Lettera da un Paese che va indietro nel tempo

Caro amico, qui in Italia le cose stanno finalmente volgendo per il verso giusto, almeno per quanto riguarda certi temi etici.

Gli italiani devono essere in possesso di determinati requisiti per legge. È finita l’epoca in cui qualunque persona poteva vivere come voleva, il che spesso non coincideva con il modo in cui altri ritenevano dovesse vivere. E in questo caso sono gli altri, i membri della comunità, ad avere sempre ragione. Anche perché che senso avrebbe una comunità in cui i suoi componenti non avessero in comune lo stesso modo di vivere? Sarebbe una contraddizione in termini. Mica qui si parla di cose banali come il taglio dei capelli o il colore degli occhi. Per tacer di quello della pelle.

Ad esempio, gli italiani devono tutti avere obbligatoriamente una madre e un padre, da specificare rigorosamente nella richiesta del documento d’identità così come disposto giustamente dal nuovo ministro dell’Interno. Diciture generiche come “genitore 1” e “genitore 2” non sono ammissibili perché in contrasto con il dettato costituzionale che vuole la famiglia quale “società naturale fondata sul matrimonio”. Ok, matrimonio non significa letteralmente un uomo e una donna, ma lo sanno tutti che è quello. È sempre stato così, non è che puoi cambiarlo da un giorno all’altro come ti va. Qualcuno dice che una volta nei moduli si scriveva “genitore o chi ne fa le veci” e nessuno ha mai obiettato nulla, ma questa certo non è una buona ragione per impedire di cambiarlo come si deve.

Non è ancora chiaro cosa accadrà ai bambini che non hanno una madre o un padre. Nel senso che non li hanno più, non certo che non li hanno mai avuti perché è semplicemente impossibile; tutti hanno in origine una madre e un padre. Forse in questi casi gli verrà assegnato il genitore mancante d’ufficio, come si fa con chi viene rinviato a processo ma non può permettersi un avvocato suo. L’importante è che il sesso sia opposto a quello del genitore presente, questo è ovvio. Una cosa comunque è sicura: i ragazzi che pensano di poter avere due madri o due padri, magari perché qualche sindaco amorale ne ha ammesso la registrazione (ma anche su questo punto le cose stanno cambiando), devono semplicemente togliersi quest’idea malsana dalla testa e rinunciare a un genitore, o pagarne le conseguenze. Che magari loro pensano di essere felici con le loro due mamme, ma è solo per via del condizionamento subito. Una volta che il genitore di troppo gli sarà stato allontanato sperimenteranno finalmente una felicità vera e soprattutto “naturale”, come naturale è l’unica famiglia che esiste.

La famiglia naturale, appunto, è finalmente stata definita dal ministro competente «un investimento […] per il benessere e l’economia del Paese». Questo significa intanto che saranno tempi duri per chi si ostina a non voler mettere al mondo dei bambini, visto che il fisco privilegerà chi invece si dimostra prolifico. E del resto, se tu non dai allo Stato quello che si aspetta da te, cioè nuovi cittadini a cui magari far fare il servizio di leva (che così gli insegnano quello che le famiglie non riescono a insegnargli, esclusa l’educazione sessuale perché lì invece vige il primato educativo della famiglia), come puoi pretendere di essere trattato come gli altri? Anzi, speriamo che in seguito proporranno qualcosa di simile a quell’ottima tassa sul celibato in vigore durante l’era fascista. Ma soprattutto significa che ci sarà un giro di vite anche sugli aborti: le donne devono essere convinte a non abortire, e visto che quel disincentivo di fatto che è l’obiezione di coscienza non ha dato i frutti che ci si aspettava, ecco che intervenire sul welfare può diventare determinante. A Verona si sono già portati avanti con una mozione ad hoc, la quale intende stabilire per legge che c’è una persona già dall’istante successivo all’incontro tra ovulo e spermatozoo (gli scienziati si facciano cortesemente gli affaracci loro) e dove finalmente si dice chiaro, e con il dovuto rilievo istituzionale, che abortire fa male alla salute delle donne.

In particolare sono importanti le parole del ministro della Famiglia (singolare, perché appunto ce n’è un solo tipo) riguardo all’immigrazione: «qualcuno dice che l’immigrazione ci serve per contrastare il calo demografico, ma alla lunga i costi sociali dell’integrazione sarebbe meglio finalizzarli all’aumento demografico già integrato». E ci mancherebbe pure che invece di incentivare la natalità spendiamo soldi per integrare stranieri. Che poi protestano pure perché vogliono vedere le partite di calcio Sky!

Insomma, finalmente le cose vanno nella giusta direzione, verso il riconoscimento del primo dei diritti umani: quello di non vedere altri umani richiedere diritti stravaganti. Gli islamici l’avevano capito da un pezzo e infatti si sono scritti la loro Dichiarazione islamica dei diritti dell’uomo. Magari potremmo scriverci noi la nostra, così potremmo metterci i diritti che vogliamo ed escludere quelli che non ci piacciono. La chiamerei “Dichiarazione cristiana dei diritti dell’uomo”… perché c’è anche un’altra cosa che ancora non ti ho detto: il crocifisso sarà obbligatorio per tutti. Fosse per me dovrebbe esserlo pure per la sede dell’Uaar, almeno fino a quando non gliela chiuderanno come si meritano o salterà in aria. Comunque ti tengo informato. Alla prossima.

by Massimo Maiurana

Archiviato in: Generale

53 commenti

Frank

La democrazia non garantisce al popolo il governo migliore ma quello che si merita. 🙂

Manlio Padovan

Oggi non ne sono più completamente convinto. I risultati del referendum del 4 dicembre e delle elezioni del 4 marzo hanno dimostrato che il popolo è più avanti dei suoi presunti rappresentanti politici. Che colpa ne ha il popolo se siamo da sempre nelle mani di inqualificabili cialtroni: tali a qualunque posizione appartengono; come si può sapere tutto di essi (andrebbe loro, ma per me sono meno di cose). Certo bisognerebbe che prima di fare i politici avessero un minimo di alta istruzione, che conoscessero bene almeno la Costituzione: ma proprio bene. Ma possiamo deliberarlo noi?Mica li facciamo noi i ministri, mica ci presentimo noi a governare. Quando mai hanno riconosciuto al popolo la sovranità che gli spetta?

Frank

Capisco, ma resta il fatto che ha governare vadano comunque quelli che gli italiani votano. Chi ha votato Lega, M5s ma anche Pd e Fi sapeva chi votava non poteva dire di non conoscerli.

Diocleziano

Frank

Opinione mia: chi ha votato FI e PD non può dire di non sapere chi votava; chi invece ha votato 5s sono convinto che lo ha fatto nella speranza che finalmente si spezzassero i fili del malaffare, confermato dal fatto che, nonostante tutto, non perdono voti. Purtroppo Salvini si è rivelato molto peggio di quel che sembrava. L’opposizione fa ribrezzo, i tg remano contro… non vorrei che gli unici a guadagnarci siano quelli delle lobby.

Frank

Magari nel 2013 ma adesso non si può non sapere che tipi sono i grillini, ma anche vista in questo modo se sono “grullini” la maggioranza degli italiani allora hanno quello che si merita.

mafalda

Frank
Doveva restare il pd al governo? Capisco che l’alleanza con la lega sia difficile da digerire ma i 5stelle sono oggi quelli che hanno obiettivi più chiari anche a proposito di laicità.

Frank

Mafalda un po’ più di un anno fa di avrei detto che il Pd (opinione personale) sarebbe stato il male meno peggiore ma adesso non saprei che dirti, dei “grandi” partiti non ne voterei nessuno e comunque anche l’M5S nell’ultimo anno per quanto riguarda la laicità mi pare abbia fatto dei notevoli passi indietro.

mafalda

Non è chiaro se Salvini ha fatto il servizio militare, se secondo lui dovrebbero farlo anche le donne, che concetto di educazione ha il soggetto (marciare, usare armi, fare nonnismo, dire signorsi’?). Ma soprattutto, può un ministro lasciarsi scombussolare così tanto dai commenti di qualche adolescente?!

Diocleziano

La faccenda è forse un po’ più inquietante di quel che appare: prima la legge sulla legittima difesa; poi la trovata di ripristinare la leva. Ambedue interessano i produttori di armi, buona parte dei quali è in Lombardia. Mettiamoci sopra anche la croce e la boiata è fatta… e il Salvini si è preso anche del satanasso dai preti, chissà come ci è rimasto male, lui, che si dà tanto da fare per la chiesa e per la famiglia!

(Fa niente se poi la sua famiglia è composta da ‘genitore’ 1, 2, 3… )

mafalda

Senz’altro il furbacchione strizza l’occhio ai produttori di armi, evidentemente perché gli piacciono come a tutte le nullità prive di cultura. Si spera che i 5stelle riescano a contenerlo ma è impresa ardua visto che gli italiani lo premiano. Come abbiamo fatto a diventare il paese delle belle arti e della creatività resta un mistero visto che ci identifichiamo e scegliamo astuti fascistelli, narcisisti manipolatori, mafiosi psicopatici.

Francesco S.

Dubito che i pentastellati tentino di frenare la Lega:
1) Perché hanno dimostrato di essere molto molto molto più ignavi del PD sul tema laicità
2) Perché c’hanno fatto un governo insieme
3) Perché sono populisti come la Lega.

Gérard

Il governo ha anche confermato l’ aumento delle spese militari ( per fare anche piacere a Trump e alla lobby delle armi ) da 23 a 40 miliardi nelle prossime anni ( molte armi vengono comprate anche negli USA ) . Ripristinare il servizio di leva non fara contento la gioventù attuale (salvo quella più nazionalista ) che non conosce altra patria che quella dello Smartphone … Però è totalmente irreale : come ripristinare e adeguare alle norme odierne centinai e centinai di caserme spesso all’ abbandono . Quelle che non lo sono, sono occupate da militari di professione che hanno avuto una formazione adeguata al materiale bellicoso ben più sofisticato di quello di 20 o 30 anni fa !! Dove prendere i soldi ?? dalle pensioni e aiuti familiari, aumentare le tasse ? Ma poi, questo servizio di leva sara anche obbligatorio per chi non si dichiara battezzato, non credente o di credo diverso di quello cattolico e di colore di pelle diversa .

Gérard

Da un po di tempo mi torna spesso in mente una frase di Simone de Beauvoir che, se si svolge alle donne può benissimo essere anche valida per tutte le categorie sociali, le minoranze e altri che in questi ultimi anni hanno potuto ottenere qualche diritto in più . Ho cercato su Google Italia la traduzione italiana sotto ” S. De Beauvoir citazioni ” ma alla mia grande sorpresa, almeno di non essermi sbagliato non si trova ( allorchè l’ ho trovata senza problemi nella versione originale )…

“N’oubliez jamais qu’il suffira d’une crise politique, économique ou religieuse pour que les droits des femmes soient remis en question. Ces droits ne sont jamais acquis. Vous devrez rester vigilantes votre vie durant.”

SIMONE DE BEAUVOIR

Non dimenticate mai che basterà una crisi politica, economica o religiosa poichè i diritti delle donne siano rimessi in discussione . Questi diritti non sono mai acquisiti . Dovrete rimanere vigilante tutta la vostra vita

mafalda

Simone aveva tristemente ragione. La liberazione delle donne è stata ed è una rivoluzione quasi silenziosa, lenta e faticosa ma è quella che garantisce di poter ottenere più libertà per tutti.

pendesini alessandro

Quello che posso affermare è che, grazie al governo attuale l’Italia mette fine all’obligo di iniettare 10 vaccini ai neonati ! Una ingiusta discriminazione contro neonati e bambini non vaccinati !
E il ritorno paradossale (molto discutibile) della libertà di scelta dei genitori !!!
Siamo dunque passati da un’estremo all’altro senza nessun’altra alternativa : quella che avrebbe dovuto comunque obligare i genitori a vaccinare i loro figli solamente con 3-4 classici vaccini pertinentemente indispensabili ed esenti da fattori secondari a rischio, contenenti sostanze dubbie, in primis l’alluminio-metallo a dosi ben oltre quelle che un organismo dovrebbe sopportare senza –a volte- gravi conseguenze !

Nell’UE (ma non solamente) solo la Francia mantiene l’obligo di iniettare nientemeno che 11 vaccini a neonati e bambini ! Con conseguenze accertate non proprio rosee !!!
Capisca chi puo’……

Francesco S.

In genere i francesi mi stanno sulle scatole, ma dimostrano molta più lungimiranza di noi italiani nel mantenere l’obbligo. Alcuni membri della nostra specie sono idioti e la loro idiozia mette a rischio i loro e nostri figli.

pendesini alessandro

Francesco S
Posso chiederti cosa ti spinge a credere che i francesi siano, in questo determinato caso, più lungimiranti degli italiani ?
Sei per caso Virologo, Pediatra o Tossicologo, quindi aver valutato il pro ed il contro nell’iniettare 10 o 11 vaccini a neonati e bambini ?
Per tua informazione sappi che in Francia (ma NON solamente!) diversi medici, pediatri e persino un premio Nobel di medicina (un certo Luc Montagner, biologista e virologo francese) sono CONTRO l’obbligo dell’utilizzo imposto di 11 vaccini !
Quindi, oserei suggerirti prima di affermare che certi membri della nostra specie sono idioti, di informarti bene preferibilmente da fonti prettamente accademiche o assistere a qualche lezione di biologia e/o virologia ?

Mauritius

Sei per caso Virologo, Pediatra o Tossicologo, quindi aver valutato il pro ed il contro nell’iniettare 10 o 11 vaccini a neonati e bambini ?

Perché tu sei virologo/pediatra/tossicologo? Mi sembra di ricordare discussioni tra te e Massimo Albertin che invece virologo dovrebbe esserlo, o comunque ha una specializzazione del genere, ma non vede le cose come te.

informarti bene preferibilmente da fonti prettamente accademiche o assistere a qualche lezione di biologia e/o virologia

Lezioni di chi, di quei pochi contrari alle vaccinazioni che per le loro posizioni vengono criticati dai colleghi? Dire “diversi medici sono contrari” non significa nulla, anche 10 medici su 1000 sono “diversi medici” ma la loro voce non è più autorevole degli altri 990. Poi è chiaro che molti passi avanti nella scienza vengono fatti da pionieri lungimiranti emarginati dai loro colleghi, ma devono prima riuscire a dimostrare che quello che affermano loro abbia un senso esibendo dati convincenti. Altrimenti si afferma il principio assurdo che qualunque deficiente con un’idea stravagante sia attendibile.

pendesini alessandro

Francesco S
Una persona del calibro di Montagner NON puo’ di certo ignorare certe evidenze. Sa benissimo che l’omeopatia non riposa su nessuna base scientifica ! Per contro conosce indiscutibilmente il significato dei termini PLACEBO e NOCEBO.
Non puo’ inoltre ignorare che certi disordini mentali ipocondriaci o psicosomatici, ad esempio, NON vanno curati con medicine convenzionali, come avviene nella maggioranza dei casi a volte persino con psicotropi che, come saprai, contengono sostanze attive ed effetti collaterali tuttaltro che insignificanti !!! Lequali non solamente non guariscono o eliminano la causa, ma creano sovente disordini mentali e/o scquilibri somatici che possono mutare in vere e proprie malattie a volte ben più invalidanti di una sindrome ipocondriaca e similia !

Per tua informazione sappi che diversi farmaci convenzionali tipo allopatico, contengono solamente sostanze inattive (sovente a base di zucchero) che possiamo definire, senza nessuna esitazione, dei semplici PLACEBO !…… Quindi…..

Francesco S.

Purtroppo pare che invece Montagner abbia ignorato certe evidenze e risulta screditato dai colleghi.

Diocleziano

L’unica ragione per la quale si tiene in vita il business dell’omeopatia è il guadagno. Non possono ammettere che sia un semplice placebo perché altrimenti non si giustificherebbero i prezzi di vendita; sapendo che è un placebo perderebbe gran parte dell’effetto curativo; idem se costasse poco.

Il cane che si morde la coda.

VHEMT

Riguardo all’aborto, faranno tanti discorsi per ingraziarsi l’elettorato cattolico (che è comunque in lento calo), faranno più complimenti ai medici obiettori, ma quello che si dovrebbe fare per ridurre effettivamente le cifre dell’ivg, ossia aiutare CONCRETAMENTE le famiglie, non lo faranno. Per la semplice ragione che i soldi non ci sono.

Frank

Dialogo della foto.

Fontana: Ma si può affidare il progetto di un ponte ad un cantante?
Salvini: Infatti, è una vergogna.

mafalda

Per seguire la cronaca sul ponte ho visto una parte del programma contenitore pomeridiano su Rai 1 (di cui non conosco il titolo). Tra i vari ospiti c’era l’immancabile prete. Mi sono chiesta cosa c’ntrasse col ponte crollato e perché ci fosse bisogno della sua opinione tra quelle di ingegneri, volontari e genovesi. Ho avuto risposta quando, l’unica volta in cui il prete ha parlato, ha premesso con forza e disinvoltura che dio doveva essere lasciato fuori da quanto accaduto… per poi concludere con le solite frasi fatte sulla responsabilità umana, sul diritto di avere strade sicure e così via. Dio non c’entra, nel caso qualche credente se lo sia chiesto. Forse era occupato con altre catastrofi, forse era a Londra…

VHEMT

Toh?!……povero pretino! E se qualche brutto ateaccio di passaggio, avesse avuto l’ardire di dire che il buon dio, padre amorosissimo e onnipotente, forse aveva qualche responsabilità nell’ accaduto?! Giustamente il buon pretino, ha svolto una difesa preventiva.
D’altra parte, bisogna considerare che il buon dio ha sempre rispettato il libero arbitrio e la possibilità di peccare dei suoi amati figli, e dunque perché doveva intervenire sulla libera e peccatrice volontà de costruttori che volevano risparmiare sui materiali e delle autorità preposte alla manutenzione, che, in altre faccende affaccendate, l’hanno colpevolmente posposta?!

Frank

E’ normale che dica che non è colpa di di dio, ha paura che lo fulmini. 🙂

Diocleziano

Alcuni di quelli che si sono salvati dicevano che ce l’hanno fatta ‘per miracolo’.

Il prete si è sfilato prima che qualcuno pensasse che gli altri sono ‘morti per miracolo’?… hai visto mai…

A proposito della devozione che pervade la rai: fino a un paio di settimane fa rainews24, tra le 6 e le 7, era presentata da una signora che aveva una strana e incoercibile compulsione a congiungere le mani in atto di preghiera, anche per congedarsi.

mafalda

Che dire sulla rai? Non credo che salvini spingerà per renderla più laica, spero che i 5stelle ci provino. Mi basterebbe che togliessero un po’ di telefilm preteschi e Bocelli… ti prego signore!

iguanarosa

Che la situazione politica sia difficile e paradossale lo vediamo tutti. La laicità non vive un buon momento, ma anche prima era solo di facciata, così come i finanziamenti a parrocchie e istututi religiosi c’era lo stesso. Qualche piccolo sussulto di civilizzazione dell’epoca PD è derivata più dalle pressioni dall’estero che dalla voglia matta dei nostri politici. Le unioni civili in forma ridotta e il testamento biologico al ribasso li avrebbero volentieri rimandati.
Oggi ho l’impressione che in molti temi che erano e sono esagerati da una parte, si tenda a esagerarli dall’altra. Tipico il tema dell’immigrazione incontrollata. Già il PD aveva cominciato la marcia indietro, ma il primo che ci ha messo mano è osannato a furor di popolo.
Anche la legittima difesa è sproporzionata a favore dei criminali. Il privato o addirittura il poliziotto che uccide un criminale sta a casa sua o mentre lavora deve passare i guai a sue spese. Non è possibile e ci vuole un riequilibrio.
La eccessiva tolleranza con la microcriminalità, il primo che riesce a migliorare di poco la situazione vivrà di rendita per vari turni elettorali.
Le concessioni miliardarie dei beni pubblici a società privata, con contratti a scapito degli utenti e dello stato. Chi ci mette mano fa bella figura.
Il dissesto idrogeologico, il restauro di scuole, ospedali e altri edifici pubblici, il restauro dei beni culturali, eccetera. Molti politici sono hanno potuto o voluto provvedere. Chi ci riesce vince gli elettori.

dissection

Non sono sicuro di aver ben compreso il tuo commento, o perlomeno da quale parte vorrebbe stare, ma ti risponderò sulla legittima difesa. Il punto è questo: se ti entra una persona in casa, o ti aggredisce per strada, hai tutto il diritto di difenderti e salvaguardare la tua incolumità ed eventualmente quella altrui; è GIÀ così e non ci piove. Sparare alle spalle alla persona in questione mentre è ormai già in fuga è un altro paio di maniche, si dovrebbe comprendere automaticamente e per quanto possa apparire ingiusto & assurdo, in caso di ferimento o qualsivoglia altro tipo di danno ha ragione a chiedere e ottenere il risarcimento, per quanto questa cosa cosa faccia vomitare anche me. Tutti gli altri discorsi, armi libere eccetera sono solo tirate propagandistiche a scopo elettorale & economico del politicantucolo di turno, in questo caso Salveenee, il quale, da buon sciacallo, il giorno del crollo di Genova non ha saputo fare di meglio che la figuraccia che sappiamo. Certo, ciò comporta che la cosa migliore sarebbe che queste cose direttamente non succedessero, utopia, chissà se mai l’umanità ci arriverà, e nutro i miei dubbi al riguardo; al momento secondo il mio modesto parere è d’uopo evitare il classico “far west”, mi sembra che la storia dovrebbe ormai aver insegnato più che a sufficienza che in determinati contesti il fight fire with fire non porta ad altro che a innescare spirali di violenza e faide varie da cui raramente si esce bene. Se se ne esce.

Mauritius

Il problema è che al momento il far west è istituzionale. Il principio che armare i cittadini e allargare al tempo stesso il concetto di legittima difesa non può che innescare spirali di morte dovrebbe essere chiaro a persona ragionevole, finora lo è stato a chi ci ha governati fin qui, ma adesso abbiamo un premier che insegna diritto e si permette di dire alla fine di un consiglio dei ministri che il governo non può attendere i tempi della giustizia. Sono parole di una violenza inaudita, solo un dittatore potrebbe permettersi di pronunciarle, da noi lo ha fatto un primo ministro incaricato.

mafalda

Credo che la frase di Conte sui tempi della giustizia appaia aggressiva perché l’emotività del momento era alta, ma non sia sbagliata la revoca alla società autostrade. Poteva essere detta in altri termini, con frasi più cortesi senza cambiare però il succo del discorso. Prima di tutto viene la sicurezza dei cittadini perciò è bene che, se il governo è in grado di garantirla meglio della società autostrade, si prenda la responsabilità della revoca. È duro ammetterlo ma non possiamo aspettare 20 o 30 anni per sapere cos’è successo è intanto permettere ai privati di gestire un bene comune.

dissection

@Mauritius: chiaro. Diciamo che finché resta istituzionale, tutto rimane così com’è e campa cavallo, i problemi nasceranno quando lo faranno diventare esecutivo, giusto? Un modo come un altro per risolvere il problema della sovrappopolazione 😉 ?
@mafalda
Non sono a conoscenza di ciò che ha detto Conte e di come lo ha detto, probabilmente imboccato dall’inverecondo duo, è riferito a Genova o alla legittima difesa?

Mauritius

Il governo non può essere emotivo o cavalcare l’emotività della gente, non è con le emozioni che si dovrebbe governare e comunque la frase è agghiacciante a prescindere.
Seconda cosa: Conte ha già appurato senza ombra di dubbio tutte le responsabilità? Senza uno straccio di indagine, senza una doverosa inchiesta? E meno male che insegna diritto, che fine ha fatto la presunzione d’innocenza?
Terza cosa: vorrei soffermarmi sulla tua frase “se il governo è in grado di garantirla meglio”, perché francamente io non penso proprio che lo stato potrebbe gestire meglio qualunque cosa. Tramite chi poi, l’Anas? Tempo fa c’era un post di Uriel Fanelli che descriveva il sistema delle opere pubbliche in Germania, che sono sempre realizzate e gestite da privati ma secondo regole ferree. Quindi forse lo stato dovrebbe non gestirle, ma fare in modo che vengano costruite e gestite come si deve.
Ultima (ma non per importanza) cosa: quale vantaggio porterebbe una revoca della concessione? Certo i ponti pericolosi non smetterebbero improvvisamente di esserlo e il ponte di Genova non si risolleverebbe magicamente. Inoltre potrebbe essere una catastrofe economica, pare che le penali in ballo sarebbero cospicue e se paga lo stato paghiamo tutti.

mafalda

dissection
Mi riferivo a Genova e alla frase di Conte citata da Mauritius.

Moderazione

Ma è anche molto OT, armi e opere pubbliche non hanno nulla a che fare con i temi del blog quindi chiedo di sospendere questo ramo della discussione.

Francesco S.

A leggere le motivazioni della sentenza pare proprio che siano state le motivazioni religiose a far scattare la condanna.

Ho partecipato a varie selezioni del personale e non stringere la mano è un segno di problematiche di socializzazione che si viene scartati a priori qualsiasi siano le motivazioni. Simili sentenze oltre a non essere laiche finiscono per far aumentare le discriminazioni. Quale responsabile del personale svedese ora non ci penserà 2 volte prima di chiamare a colloquio una donna velata?

Frank

E allora perché ho segnalalo la notizia, l’ennesimo privilegio accordato ad una religione.

dissection

Sì, amici miei pastafariani me ne hanno portato a conoscenza… 🙁

Diocleziano

Beh, è un piccolo passo per un uomo, ma è un grande passo per l’umanità:

aspettiamoci dunque che anche le ‘grandi religioni’ vengano dichiarate delle grandi ca**ate! 😛

Frank

Poveri pastafariani che non hanno mai ucciso nessuno… o forse è proprio per questo. 😉

mafalda

Su quali basi le altre boiate sono considerate religioni allora?

Francesco S.

Credo che le altre religioni siano considerate tali perché i fedeli ci credono davvero a differenza dei pastafariani.

Diocleziano

Se tutti gli chef si unissero in conclave sarebbe una religione.

Manlio Padovan

Egregio Signor Eccellentissimo Presidente, dopo avere preso nota della passerella di oggi ai funerali di Genova, sono umilmente a chiederLe: cosa c’entra il generale (sì! proprio così e con quasi 5000 euro di pensione da noi pagata per avere fatto per tutta la vita il fancazzista) Angelo Bagnasco con i funerali di Stato? Ho scritto: di Stato. Di quello Stato che stando alla corte Costituzionale è laico.
Certo, è vero che in effetti non abbiamo uno Stato nel senso vero della parola, ma, come scrisse Aldo Moro dalla prigione BR, un “paese così scombinato” nella disponibilità di 946 cialtroni quaquaraquà che fanno i tirapiedi anche ai criminali…
Manlio Padovan

Ho inviato poco fa la lettera sopra al PDR, mi è stato comunicato che l’operazione non è valida. Cioè quanto scritto non è accettabile e quindi loro leggono finché si scrive. La democrazia del c. o del pd di cui sopra?

Commenti chiusi.