Buone novelle laiche

Non solo clericalate. Seppur spesso impercettibilmente, qualcosa si muove. Con cadenza mensile vogliamo darvi anche qualche notizia positiva: che mostri come, impegnandosi concretamente, sia possibile cambiare in meglio questo Paese.

La Corte di Appello di Perugia ha dato ragione alla famiglia omogenitoriale del piccolo Joan, cui era stata negata la trascrizione dell’atto di nascita per il figlio concepito tramite fecondazione eterologa e nato in Spagna. Già la sezione civile del tribunale di Perugia a marzo aveva accolto il ricorso delle due mamme contro l’opposizione del Comune. Dopo questo pronunciamento, il ministero dell’Interno tramite l’Avvocatura dello Stato e il Comune avevano fatto ricorso, bocciato infine dalla Corte d’Appello.

Il sottosegretario alle Pari opportunità Vincenzo Spadafora (M5S) ha chiarito che una parte della maggioranza vorrebbe rendere la legge Mancino più incisiva, estendendola ad altri temi come l’omofobia. La dichiarazione in risposta al ministro per la Famiglia, il clericale Lorenzo Fontana, che aveva manifestato il desiderio di abolire la legge Mancino,

Il deputato della Regione Sicilia Claudio Fava (Lista Cento Passi) ha proposto un disegno di legge per potenziare la legge 194 sull’isola con una serie di misure. Intenzione di Fava è avviare progetti per l’educazione sessuale nelle scuole, aumentare i consultori, fornire contraccezione gratuita e garantire alle donne un migliore accesso all’interruzione di gravidanza, anche con concorsi pubblici per assumere medici non obiettori. In Sicilia infatti l’86% di ginecologi si è appellato all’obiezione di coscienza e percentuali alte si trovano in altre categorie di operatori sanitari, tanto da rendere più difficile l’aborto per le donne. Sempre sull’isola il deputato regionale Vincenzo Figuccia (Lista CambiAmo la Sicilia) ha espresso perplessità per lo stanziamento di ben 400mila euro deliberato dalla Giunta della Regione in vista della visita di papa Francesco a Palermo.

La deputata Michela Vittoria Brambilla (Forza Italia) ha depositato una proposta di legge per rendere obbligatorio lo stordimento degli animali prima della macellazione e solo in strutture autorizzate, senza ammettere deroghe religiose. Il tema è tornato d’attualità perché proprio il 21 agosto era il giorno della festa islamica del sacrificio (īd al-aḍḥā), che prevede lo sgozzamento rituale di animali.

La segretaria di Possibile, Beatrice Brignone, ha contestato le intenzioni del ministro dell’Istruzione Marco Bussetti di voler rilanciare le scuole private. Uno dei rischi, ricorda Brignone, è “il moltiplicarsi di caratterizzazioni ideologico-confessionali e spaccature nella società civile”, alla luce anche del fatto che le scuole paritarie “sono già foraggiate dallo Stato”.

L’ipotesi che l’Iran sarà il Paese ospite al Salone del Libro di Torino nel 2020 ha suscitato le reazioni di vari politici. L’assessore regionale alla Sanità Antonio Saitta (Pd) si è detto “perplesso”, in particolare ricordando il caso del ricercatore iraniano Ahmadreza Djalali, che ha collaborato con il Centro di ricerca sulla medicina dei disastri a Novara: lo studioso, arrestato in patria, rischia la condanna a morte con l’accusa di spionaggio. Fabrizio Ricca, capogruppo della Lega nel Consiglio comunale di Torino, ha criticato l’idea di “ospitare una teocrazia in cui i diritti delle persone sono calpestati, in cui si perseguitano gli omosessuali e non si rispettano le donne”.

La redazione