Governo ritira il patrocinio al Congresso di Verona: il plauso dell’Uaar

«Una decisione di buon senso che accogliamo con grande gioia». Così Adele Orioli, segretaria dell’Uaar, in merito alla notizia diffusa oggi che Palazzo Chigi ha deciso di revocare l’autorizzazione a utilizzare il logo della Presidenza del Consiglio dei ministri per il Congresso mondiale delle famiglie che si terrà a Verona a fine mese.

«Il Congresso di Verona è organizzato da uno dei più potenti gruppi al mondo contro l’autonomia riproduttiva delle donne e i diritti delle persone LGBT», ha detto Orioli, «per questo quello di Conte è un atto dovuto. Dovuto ma non scontato di questi tempi, tanto più se pensiamo che vi parteciperanno, tra gli altri, il ministro della Famiglia Lorenzo Fontana e il vicepremier Matteo Salvini».

«Ora speriamo che anche il Ministero della Famiglia e della Disabilità, la Regione Veneto e la Provincia di Verona seguano l’esempio di Palazzo Chigi e ritirino il patrocinio all’evento, come chiede tra l’altro la petizione lanciata dal movimento globale All Out. Dal canto nostro diamo appuntamento a tutti e tutte a Verona per le mobilitazioni di protesta organizzate durante la tre giorni».

Comunicato stampa