In uscita il nuovo numero della rivista Nessun Dogma!

È in uscita il nuovo numero del bimestrale dell’Uaar Nessun Dogma – Agire laico per un mondo più umano. Con interviste, rubriche, recensioni per conoscere l’impegno di uomini e donne, dell’Uaar e non solo. Con uno sguardo laico umanista su temi come diritti, etica, filosofia, politica, scienza. Sessanta pagine dedicate a chi vuole cambiare il mondo per renderlo più laico, più umano, più assennato. Con gli approfondimenti e le storie che non trovate altrove.

La copertina del numero 3/2020 è dedicata a Franca, una nostra socia che nell’emergenza coronavirus è in prima linea in ospedale. A lei va e ai suoi colleghi va tutta la nostra gratitudine. Sono tanti i non credenti che in maniera silenziosa si impegnano con empatia e umanità in questi periodo critico.

Diversi contributi di questa uscita sono dedicati proprio all’ideale laico umanista alle prese con il coronavirus, che rappresenta una sfida epocale. Inoltre Pietro Bruno ha affrontato una riflessione sull’umanismo, tra teoria e pratica, in un’ottica intersezionalista. Avilia Zavarella ha indagato il rapporto tra giovani e secolarizzazione, anche in Italia. Abbiamo pubblicato le anteprime degli articoli di Giovanni Gaetani sull’attivismo laico umanista che nel mondo riesce a raggiungere obiettivi importanti, e di Valentino Salvatore sul fenomeno delle conversioni al cristianesimo dei migranti che vengono accolti in Europa.

Vogliamo ricordare con commozione Fiorino Valentino Donina, referente Uaar di Mantova e celebrante laico, vittima proprio del coronavirus. Come associazione cerchiamo di dare il nostro piccolo aiuto contro questa piaga: abbiamo avviato una raccolta fondi a favore all’Istituto Nazionale Malattie Infettive “Lazzaro Spallanzani” per la ricerca sul Covid-19, donando i primi 10mila euro, e lanciato una petizione per chiedere al governo di destinare tutto l’8×1000 – almeno 1,2 miliardi di euro elargiti alle confessioni religiose – a sanità e ricerca scientifica.


Consulta il sommario Acquista a €2 il numero in pdf Abbonati

Sei già socio? Entra nell’area riservata per scaricare gratis il numero in digitale!

La redazione

Archiviato in: Generale

6 commenti

Diocleziano

Hai un cuore di pietra, come fai a non commuoverti davanti a tanta spontaneità? 😛
Quella che al minuto 1.25 afferma che la messa è tutto quello che gli rimane di importante… forse ha sbagliato qualcosa nella vita! È per questo che continuo a ripetere che i preti bisogna buttarli fuori dalle scuole. Quello che impressiona è che 15 o 20 individui sappiano ripetere un solo meme, una sola frase. Dopotutto ricalca perfettamente il condizionamento standard che li accomuna. Su ragazzi: un po’ di spontaneità, creatività… là fuori c’è un mondo meraviglioso da conoscere, non chiudetevi in quelle tristi e buie sacrestie!

Diocleziano

Da notare che sono stati disattivati i commenti.
Chissà quanto sgomitavano per mettere pollicioni all’insù… 😈

mafalda

Hai visto quante ragazze? Tra l’altro con un tono così mieloso e infantile che all’inizio credevo fosse una parodia. Il fatto è che non c’è nessuna firma nel video, non si capisce quale associazione lo abbia fatto.

RobertoV

La chiesa vive di propaganda, basta vedere anche le pubblicità per l’ottopermille.
Certo che devono essere disperati, in crisi di astinenza, per dover supplicare il governo di ridargli le messe. Si vedono gli effetti del lavaggio del cervello sin da piccoli. Ho visto che in Svizzera, paese meno colpito di noi, potranno riaprire solo dall’8 giugno, mentre da noi la multinazionale è riuscita a dimostrare nuovamente che sono cittadini di serie A.
Sono proprio curioso di vedere quanto rispetteranno le regole anticontagio se saranno loro stessi a doverle verificare in piena autonomia come è stato purtroppo concesso dal governo.
Però, non mi abbasserei allo stesso livello a fare filmetti propagandistici a favore dei secolarizzati, anche se fa male vedere quanto l’attivismo laico umanista sia ignorato dai media tutti proni a sostenere la propaganda cattolica.
Proprio l’altro giorno il papa ha potuto tranquillamente propagandare la fede cattolica coi classici luoghi comuni ed insultare le persone che non credono e che, quindi, per lui accettano il male, senza che nessuno osasse criticarlo. Fosse stato all’incontrario si sarebbero scatenati. Evidentemente per loro scienziati e medici sono solo credenti………

Diocleziano

Con una stampa così prona non c’è da meravigliarsi. Non passa un tg che non citi sua Banalità: “papafrancesco ha detto…”. Tutti questi premi pulitzer per il giornalismo, che immancabilmente si sbellicano dalle risate per un improbabile congiuntivo o un errore geografico tacciono però sulle magagne o sulle tasse non pagate dalla CdM. Dando anche uno squallido senso di sciatteria citando quello che dice il capo di una setta avulsa dall’Italia a scapito di figure che dovrebbero essere il riferimento per TUTTI i cittadini, e che i cittadini pagano per le loro funzioni, funzioni che richiedono un giuramento di lealtà allo Stato. A differenza della nota setta.

A proposito di completezza dell’informazione: qualcuno ha udito una seppur flebile voce sulla gaffe del Banale che, salutando un disabile, chiude con un “Ci vedremo all’inferno!”?

Commenti chiusi.