Trasporto pubblico o trasporto confessionale?

Unia è musulmana, indossa il velo e cerca lavoro. Presenta domanda alla società dei trasporti pubblici di Bruxelles (Stib). La richiesta viene respinta: la politica di neutralità della compagnia vieta di indossare «simboli condannevoli, politici, filosofici o religiosi», anche se non è chiaro quanto ciò abbia realmente influito sulla decisione. Unia si rivolge, con l’aiuto della Ligue des Droits Humains, al tribunale del lavoro, che il 3 maggio le dà ragione. La Stib viene condannata per discriminazione basata sulle convinzioni religiose e sul genere (perché impiega musulmani autorizzati a portare la barba).

Qualche giorno fa è stato reso noto che, in seguito a una scelta politica dell’amministrazione della capitale (guidata da un’alleanza tra socialisti e verdi), la Stib non presenterà appello. Contro tale decisione si è già schierato il Centre d’Action Laïque, chiedendo una legislazione che imponga finalmente la neutralità dei dipendenti pubblici ma, soprattutto, annunciando che chiederà di rivedere il pronunciamento del tribunale, ritenendo di essere stato leso da una sentenza nella quale non era parte in causa. A giudizio dal Cal, infatti, essa «entra direttamente in contrapposizione con i suoi scopi sociali, che includono la difesa e la promozione della laicità; principio umanista che fonda il regime delle libertà e dei diritti umani sull’imparzialità del potere civile democratico, libero da ogni interferenza religiosa».

La vicenda mostra una volta ancora la contrapposizione, ormai evidente in ogni paese occidentale, tra i sostenitori della laicità storicamente universalista e coloro che, soprattutto nel mondo delle ong e dei partiti di sinistra, per un malinteso senso di giustizia si schierano oggi a favore delle rivendicazioni identitarie delle confessioni religiose di minoranza. Lasciando però in sospeso una domanda: come si comporterebbero, di fronte a un conducente che guidasse un autobus indossando la divisa di un partito di estrema destra?

La redazione

Archiviato in: Generale