Articoli nella Categoria: Dal mondo

Firmiamo per liberare Mubarak Bala, da 2 anni in prigione e condannato ad altri 24 per blasfemia.

A 2 anni esatti dall’arresto, avvenuto il 28 aprile 2020 presso la sua abitazione nello stato di Kaduna, noi umanisti di tutto il mondo raccogliamo firme online per chiedere la liberazione di Mubarak Bala, presidente della Humanist Association of Nigeria, parte come l’Uaar di Humanists International, l’organizzazione-ombrello che rappresenta oltre cento associazioni di non credenti sparse per il mondo presso l’Onu, il Consiglio d’Europa ed altre istituzioni internazionali. Detenuto per 15 mesi senza accuse, Bala ha poi subito un lungo… Leggi tutto »

Polonia, continuano gli attacchi al diritto all’aborto

Ha suscitato sdegno e impressione in tutta Europa la denuncia giunta dalla Polonia sull’impossibilità per le rifugiate ucraine di ricorrere all’aborto anche nei casi in cui la gravidanza derivi da uno stupro di guerra avvenuto nel loro paese ad opera dei soldati dell’esercito russo. La denuncia è partita da Oleksandra Matviichuk del Centro per le libertà civili ucraino, che su Twitter ha prima denunciato il fatto che in Polonia, anche se l’attuale legge restrittiva ammette l’aborto in caso di stupro,… Leggi tutto »

Atei umanisti all’ONU condannano le violazioni dei diritti umani su base religiosa in Ungheria

Humanists International e la sua affiliata Associazione Atea Ungherese hanno stigmatizzato lo smantellamento da parte del governo ungherese della democrazia e dei diritti umani, nella 49ma sessione del Consiglio per i Diritti Umani dell’ONU. Con la loro dichiarazione congiunta, durante l’adozione del rapporto Universal Periodic Review (UPR) relativo all’Ungheria, Humanists International e l’Associazione Atea Ungherese hanno denunciato l’Ungheria per le sue politiche di disprezzo verso le minoranze, e in particolare migranti, Rom, non credenti e persone LGBTI+. La dichiarazione video… Leggi tutto »