Articoli nella Categoria: Opinioni

Due metafore ambigue

Bruno Gualerzi* 1. ‘Dio è morto’ Forse niente più della sua presunta morte ha concorso a mantenere in vita dio. E’ stata la sua presunzione di morte che ha operato di fatto come il più efficace espediente per prolungarne in realtà l’esistenza, per dar voce ai suoi orfani inconsolabili. Ai quali non è parso vero di gridare intanto ai quattro venti quanto povera fosse diventata l’umanità dopo la perdita di questo valore supremo, approfittando della sua proclamata eclissi per dimostrare… Leggi tutto »

La politica demografica della Chiesa cattolica

Raffaele Carcano* L’ONU ha recentemente rivisto al rialzo le stime sulla crescita della popolazione mondiale. Pare, sostengono le Nazioni Unite, che alla fine del secolo il pianeta sarà abitato da oltre dieci miliardi di homines più o meno sapientes. Se non si ammazzeranno prima: perché le risorse disponibili non sono certo illimitate. Soprattutto in Africa, dove si concentrerà quasi in esclusiva l’aumento di oltre tre miliardi di persone rispetto alla popolazione odierna. L’esplosione della bomba demografica è stata annunciata per… Leggi tutto »

Visti da loro

Stefano Marullo* Nel suo ultimo contributo Bruno Gualerzi, adamantino come sempre, ha voluto dare conto di quanto sia ovvio che gli atei si interessino a dio e al clero. Capovolgendo le cose, non dovrà apparire stucchevole come anche i credenti si interessino all’ateismo e ai loro alfieri. Chi vorrà prendersi la briga di consultare i vecchi manuali di teologia potrà sorprendersi di come la voce “Ateismo” sia ampiamente presente. A dirla tutta, a guardare  taluni dizionari di teologia, l’argomento è… Leggi tutto »

Gli atei devono disinteressarsi di dio e del clero?

Bruno Gualerzi* Esiste un luogo comune molto radicato secondo cui gli atei, in quanto atei, dovrebbero disinteressarsi di dio, mentre incoerentemente – si afferma – ne parlano in continuazione! E quando questa accusa viene mossa da credenti, si lascia intendere… o si dice espressamente… sia che gli atei in realtà non possono stare senza dio, sia che l’ateismo dopo tutto è anch’esso una religione. Altro luogo comune pure ricorrente è che gli atei sono solo anticlericali, sono solo mossi da… Leggi tutto »

Cosa fare di fronte a una legge liberticida

Raffaele Carcano* È ripreso oggi l’esame parlamentare del ddl Calabrò. In discussione c’è una proposta che, in nome della laicità e del testamento biologico, stravolgendone il significato (come ha sottolineato molto bene ieri Carlo Flamigni) mira esplicitamente a introdurre una legge clericale che viola l’autodeterminazione dell’individuo. Purtroppo, tutto porta a pensare che il dibattito sarà breve, perché la legge è voluta da troppi: dalla Chiesa cattolica, ovviamente, ma anche da Berlusconi, dall’UDC, dai rutelliani, dai popolari del PD. Solo un’improbabile… Leggi tutto »

Il papa e Gesù: poche chiare domande, banali risposte

Francesco D’Alpa * “Tre risposte sul coraggio della fede, davanti al dolore e alla persecuzione. E quattro risposte sulle verità della fede, quelle che toccano il cielo e sfuggono ai sensi di chi è sulla terra”. Così l’Osservatore Romano del 23 aprile 2011 commenta e apprezza la partecipazione di Benedetto XVI al programma “A sua immagine” (risultato a mio avviso più uno smaccato spot pubblicitario per i volumi papali su Gesù, che una lezione teologica di sufficiente spessore). L’evento televisivo… Leggi tutto »

Quelle unioni di fatto benedette dalla Chiesa cattolica

Raffaele Carcano* Tema ‘hard’ nella precedente legislatura, tanto da costituire un motivo non secondario della caduta del governo Prodi, sulle coppie di fatto è calato, da tre anni a questa parte, un silenzio di piombo. Il cardinale Bagnasco e i pluriconiugati eroi del Family Day vegliano sulla sacralità del matrimonio, e l’Italia è ormai l’ultimo paese dell’Eueopa occidentale a non riconoscerle. E non si parla soltanto delle coppie omosessuali, ma anche di quelle etero. La Chiesa cattolica impedisce anche alle… Leggi tutto »

La Chiesa e i profughi

Vera Pegna* La sostanziale indifferenza che ha accompagnato il dramma delle oltre 250 persone sparite tra le onde impone alla mente la tanto strombazzata difesa della vita, incominciando da quella degli embrioni, da parte della Chiesa cattolica e dei politici italiani che cercano di imporre i desiderata vaticani per legge. E richiama alla mente le parole del cardinal Bertone a proposito del crocifisso: «Questo simbolo religioso è simbolo di amore universale, non di esclusione ma di accoglienza» (3 novembre 2009)…. Leggi tutto »