Articoli nella Categoria: Opinioni

Commento alle riflessioni valdesi sul senso dello sbattezzo

Cathia Vigato* Quanto pubblicato sul sito della Chiesa Evangelica Valdese nella rubrica “Dialoghi con Paolo Ricca” il 28 gennaio, con il titolo Lo sbattezzo: ha senso?, è molto interessante per vari motivi anche perché, fra le altre affermazioni, definisce lo sbattezzo una scelta legittima (anche se formulata male). Le argomentazioni di Paolo Ricca, che seguono a una domanda interlocutoria della signora Roberta di Mestre, sono molto corpose e attengono, in particolare, al battesimo in quanto sacramento largamente condiviso dalle varie… Leggi tutto »

Esegesi del miracolo (1)

Stefano Marullo* E’ consuetudine annoverare la miracolistica quale genere letterario tipico dell’agiografia. Talmente funzionale ad essa che – pure viene considerata letteratura minore – una sua eventuale troncatura condizionerebbe irreversibilmente la narrazione stessa riferita alla vita e alle opere del beato che si vuole magnificare; sarebbe, per intenderci, come togliere dalla Vitae Caesarum svetoniana ogni riferimento alle imprese belliche dei suoi protagonisti. Perché sorprendersi se lo stesso genere letterario possa oggi divenire un genere televisivo in programmi di intrattenimento e… Leggi tutto »

Divieto per legge di indossare il burqa? Una decisione sbagliata e illiberale

Andrea Scacchi* Il dibattito suscitato, anche nel sito della Uaar di cui sono affezionato lettore, dalla mozione, approvata alla fine di gennaio dal Consiglio Comunale di Sesto San Giovanni, che presenta il burqa come un problema di pubblica sicurezza ed impegna l’amministrazione a vietarne l’utilizzo su tutto il territorio comunale mi ha spinto a scrivere. Infatti “l’imputato” contro il quale la maggior parte dei commenti sul sito si scagliava, il “…baciapile dei mullah…”, l’unico ed il solo consigliere comunale di… Leggi tutto »

Le ingerenze ecclesiastiche nell’era del bunga bunga

Raffaele Carcano* Nel piccolo mondo dell’attivismo laico si è discusso e si discute ancora della legittimità degli interventi delle gerarchie ecclesiastiche a proposito degli scandali sessuali che stanno coinvolgendo il primo ministro Silvio Berlusconi (perché solo su quelli, negli ultimi due decenni, si sono in qualche modo espressi). La mia personale sensazione è che le prese di posizione siano fortemente debitrici dell’impegno di chi le esprime: maggiore è la militanza politica anti-berlusconiana, più convinta è l’accettazione delle dichiarazioni dei vescovi…. Leggi tutto »

L’esposizione del crocifisso negli edifici pubblici

Vera Pegna* “Il modo di concepire e di strutturare gli spazi pubblici ha un impatto decisivo sulla formazione delle identità religiose e culturali, sulla creazione dei rapporti interreligiosi e interculturali e sul contributo che tali identità possono offrire alla cittadinanza democratica e plurale. L’inclusione e la coesione sociale dipendono fortemente dalla misura in cui gli spazi pubblici forniscono ai diversi gruppi sociali, culturali e religiosi eque possibilità di esprimere le loro concezioni e stili di vita e di dimostrare il… Leggi tutto »

Del fondamentalismo

Stefano Marullo* Il caso del deputato repubblicano John Shimkus, che citando alla lettera Genesi 8,22 ha arguito che non ci si deve preoccupare dei rischi climatici e della distruzione del pianeta, è sola la punta di un iceberg. Almeno il 50% degli elettori statunitensi  prende ‘alla lettera’ la Bibbia. Percentuali ben più alte verrebbero fuori se si interpellasse il musulmano medio riguardo al Corano, il quale crede ciecamente alla rivelazione letterale – in arabo – dell’angelo Gabriele a Maometto del… Leggi tutto »

L’utopia del ‘mondo migliore’, le religioni, l’ateismo, la scienza

Bruno Gualerzi* Ritengo che i miglioramenti della condizione umana debbano riguardare prima di tutto i viventi, cioè quanti ne possono effettivamente usufruire nell’arco della loro esistenza, altrimenti tutto verrà sempre proiettato in avanti, per ‘quelli che verranno’… i quali a loro volta proietteranno in avanti gli ulteriori necessari miglioramenti… e così via. E’ proprio puntando invece sul presente che si lascia in eredità un mondo dal quale chi verrà in seguito potrà partire sfruttando, per risolvere i problemi che lo… Leggi tutto »

Quel Dio così lontano

Raffaele Carcano* Sta facendo il giro del mondo, e lo sta commuovendo, l’ultimo messaggio che Maryam Fekry ha pubblicato il 31 dicembre su Facebook. Maryam tracciava un bilancio dell’anno appena concluso: lo giudicava quello che racchiudeva «i migliori ricordi» della sua vita, ed esprimeva l’auspicio che nel 2011 si avverassero i suoi «tanti desideri». Non ne ha avuto il tempo. Pochi minuti dopo è uscita di casa per recarsi alla messa di mezzanotte, ed è rimasta vittima dell’attentato che ha… Leggi tutto »