Articoli nella Categoria: Ora Alternativa

Tutti in difesa! (della laicità)

Bruno Paolillo* “Io appartengo alla sparutissima schiera di coloro che credono ancora sia dovere di ogni uomo civile prendere la difesa dello Stato laico contro le ingerenze della Chiesa in Parlamento, nella scuola, nella pubblica amministrazione, e ritengono che quest’obiettivo sia, nel nostro paese, più importante di qualsiasi altro – politico, giuridico o economico – in quanto il suo conseguimento costituirebbe la premessa indispensabile per qualsiasi seria riforma di struttura […]” Ernesto Rossi, 8 dicembre 1964   Ho posto sempre… Leggi tutto »

Cassazione: docenza ora alternativa conta a fini pensionistici

Il sito Tuttoscuola ha dato notizia di una innovativa sentenza della Cassazione che costituisce un’ulteriore spinta verso la parificazione dei diritti tra ora di religione e ora alternativa. Con la sentenza n. 4961, infatti, ha stabilito che ai fini pensionistici va calcolato anche l’anno di servizio passato ad insegnare le materie alternative, se precedente l’entrata in servizio. La suprema Corte ha così capovolto la sentenza di secondo grado emessa dalla Corte d’Appello di Brescia. La Cassazione ha pertanto riconosciuto i… Leggi tutto »

“Ora di religione, ora basta”

Dopo la lettera Uaar a tutte le scuole, invitate a fornire una corretta informazione sull’ora alternativa, e la cavillosa risposta data dall’esperto dei vescovi italiani su Avvenire, volta a ribadire come l’ora di religione è “cosa loro”, un’ora fa è stata lanciata una pagina Facebook dal nome Ora di religione, ora basta. Tutti coloro che seguono le Ultimissime sono invitati a cliccare su “mi piace” e a condividerla.

Venezia, dodicenne chiede uguali spazi ricreativi per i piccoli non cattolici

Il Corriere della Sera del 21 gennaio dedica un articolo alla Consulta delle bambine e dei bambini di Venezia riportando l’intervento di una piccola leonessa di Mestre che dice all’assessore: “Ogni giorno a scuola ci salutiamo con un «ci vediamo in parrocchia o a messa», i ragazzi cattolici hanno molte sedi per incontrarsi, gli altri no. Assessore, può mettere a disposizione per noi spazi del Comune?”. Questa ragazzina noi la conosciamo perché la madre si è rivolta all’Uaar per risolvere… Leggi tutto »

Anno scolastico 2012/2013: l’UAAR scrive alle scuole

È terminato ieri l’invio agli istituti scolastici italiani della lettera UAAR sulla scelta delle attività alternative alla religione cattolica per l’anno scolastico 2012/2013. Entro il prossimo 20 febbraio genitori e studenti, con la semplice consegna di due moduli in segreteria (modello E e modello F), possono infatti sottrarsi ad un insegnamento «impartito in conformità alla dottrina della Chiesa» e da docenti scelti a insindacabile giudizio del vescovo: al posto di questo insegnamento dottrinale, hanno il pieno diritto di avvalersi di… Leggi tutto »

MIUR e MEF: ora alternativa “servizio strutturale obbligatorio” pagato dallo Stato

Il MIUR, con nota del 22 marzo 2011, ha trasmesso alle Istituzioni Scolastiche di ogni ordine e grado il parere della Ragioneria Generale dello Stato sul pagamento delle attività didattiche alternative all’insegnamento della religione cattolica. Il parere, concordato tra il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) e il Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF), ribadisce che la scelta di avvalersi delle attività didattiche alternative alla religione cattolica rende le stesse un “servizio strutturale obbligatorio”, da pagare “a mezzo dei… Leggi tutto »

Il Tar Lazio ancora sull’ora alternativa: discriminazione agli esami

Il tar Lazio ha parzialmente accolto il ricorso presentato da numerose realtà, tra cui l’Uaar, con il quale era stato chiesto l’annullamento dell’ordinanza del Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca n.44/2010 che disciplinava le modalità di svolgimento degli esami conclusivi il ciclo d’istruzione secondaria (la cosiddetta maturità). Il Tribunale infatti, aderendo e rinviando alla recente sentenza sull’argomento emessa dalla stessa Sezione Terza-bis (cfr. Ultimissima del 29 novembre 2010), non ha ritenuto “irragionevole”, e quindi meritevole di censura, la partecipazione del… Leggi tutto »

Ora alternativa, Tar Lazio: “discriminati gli insegnanti”

Una sentenza del Tar del Lazio ha parzialmente accolto la richiesta di annullamento avanzata da numerose realtà laiche, a cominciare dall’UAAR, su proposta della Consulta romana per la laicità delle istituzioni, del nuovo regolamento (contenuto nel D.P.R. 122/2009) che, nel disciplinare la valutazione degli alunni, regola anche la presenza e soprattutto il peso degli insegnanti di religione all’interno dei consigli di classe. Le nuove norme, infatti , di creazione gelminiana, sembrerebbero tra le altre cose attribuire la possibilità all’insegnante di… Leggi tutto »