Articoli nella Categoria: Comunicati

Dopo la sentenza del Consiglio di Stato ancora più urgente l’approvazione delle unioni civili

«Fermo restando che anche i magistrati possono avere le loro idee, risulta difficile credere all’imparzialità dell’organo giudicante, considerate le sortite passate del giudice Carlo Deodato e le notizie che circolano sui legami del presidente Romeo con l’Opus Dei». Esprime disappunto Raffaele Carcano, segretario dell’Uaar, in merito alla sentenza del Consiglio di Stato che boccia le trascrizioni da parte di alcuni sindaci italiani di nozze gay contratte all’estero.

Insegnamento religione cattolica: appello ai parlamentari per rivedere la normativa

«Con il calo della frequenza dell’ora di religione cattolica e l’aumento dell’interesse per l’ora alternativa, che però fatica a concretizzarsi, si fa sempre più pressante l’urgenza di mettere mano alla normativa riguardante l’insegnamento della religione cattolica. Per l’Uaar la soluzione ideale sarebbe sostituire tale insegnamento con un altro, inclusivo e adeguato a una società plurale e moderna: dall’educazione alla cittadinanza alla conoscenza dei diversi sistemi di pensiero, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Ma già rendere tale insegnamento extracurriculare, come… Leggi tutto »

Slittano ancora le unioni civili. Il governo piegato ai diktat della Chiesa?

«È ora di dire chiaro e tondo che il Partito Democratico, in mano a una dirigenza diciamo “sensibile” alle ragioni delle gerarchie ecclesiastiche, dimostra ormai platealmente di non avere interesse all’approvazione del ddl sulle unioni civili, neppure ad un’approvazione depotenziata, mentre il resto del mondo va avanti tutto spedito. In materia di diritti civili siamo ormai lontani anni luce dall’Europa occidentale, visto che di matrimonio gay è vietato parlare… Il governo Renzi è nelle mani di Alfano come il governo… Leggi tutto »

Nuova uscita per la casa editrice Nessun Dogma

Per un genitore ateo o agnostico è meglio seguire la corrente, crescendo i figli nella religione di maggioranza, oppure cercare di essere onesti con se stessi e con la propria famiglia, offrendo un’educazione laica? La blogger statunitense Deborah Mitchell ha scelto la strada più impervia, quella di un’educazione laica, e ci racconta questa sfida in un libro, il primo mai pubblicato in Italia sull’argomento, appena dato alle stampe grazie al progetto editoriale dell’Uaar: Crescere figli senza dogmi. La guida di… Leggi tutto »

3 ottobre di laicità a Milano

Sabato 3 ottobre a Milano, nella centrale piazza del Cannone, dalle 14 alle 18 si svolgerà la manifestazione nazionale in difesa della laicità: “Le nostre vite, la nostra libertà”. Organizzano, insieme all’Uaar: l’Associazione radicale Certi diritti, l’Ass. E. Tortora – Radicali Milano, l’Associazione Luca Coscioni, I Sentinelli, B. Rain, Chiesa Pastafariana Italiana, Rete della conoscenza Milano, Festival mix, Papà arcobaleno, Rose di Gertrude Magenta. Tra gli ospiti: Mina Welby, Beppino Englaro, don Franco Barbero, Lella Costa,

5 per mille, Caf e dichiarazioni dei redditi: servono controlli anche sull’8 per mille

«È scandaloso. Noi da anni riceviamo denunce in questo senso ma avere ora la conferma ufficiale che si tratti di un vero e proprio “sistema” non ci fa piacere». Ha commentato così il segretario dell’Uaar, Raffaele Carcano, i risultati della campagna di verifiche condotta dall’Agenzia delle Entrate su 5.600 dichiarazioni dei redditi compilate da alcuni Centri di assistenza fiscale dalla quale sono emerse “irregolarità” nell’8,9% dei casi. «In particolare facciamo fatica a digerire la notizia che per 207 dichiarazioni (pari… Leggi tutto »

Libertà di espressione: un traguardo da raggiungere, l’Uaar al Convegno della Farnesina

«Sono passati tre secoli dalla nascita dell’illuminismo, ma la libertà di espressione non è ancora una conquista definitiva. Anzi. Metà delle nazioni non possono essere definite democratiche. La libertà di religione è ancora meno diffusa, quella di espressione è addirittura in regresso. Soprattutto, le libertà di cui parliamo non sono ancora considerate un valore condiviso. Inoltre spesso l’espressione della fede si trasforma nella repressione della libertà di espressione altrui. È giusto trovare normale l’offesa agli atei, e intollerabile quella ai… Leggi tutto »

Convegno delle Nazioni Unite sulla violenza religiosa: l’impegno dell’Uaar

«La sfida importante è quella di combattere i discorsi d’odio e i possibili conseguenti crimini commessi in nome della religione tutelando, e dove è necessario rafforzando, il diritto alla libera espressione del pensiero. Come Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti riteniamo che questo processo debba avvenire da un lato riconoscendo i diritti alle singole persone e non alle loro comunità di appartenenza, dall’altro sottolineando la dimensione individuale della fede rispetto alla questione culturale-identitaria. Infine, ma non meno importante, attraverso… Leggi tutto »