Articoli nella Categoria: UAAR

Rapporto 2019 sulla libertà di pensiero nel mondo. Ancora tanti i paesi rischiosi per atei e apostati

Negli ultimi cinque anni otto Paesi hanno abolito le leggi sulla blasfemia: si tratta di Norvegia, Islanda, Malta, la regione dell’Alsazia-Mosella in Francia, Danimarca, Canada, Nuova Zelanda e Grecia (in Irlanda la questione è in divenire, a seguito di un referendum dell’anno scorso in cui si è stabilito di stralciare dalla Costituzione l’articolo che stabilisce che la blasfemia è un reato). Ciononostante sono ancora 69 gli Stati in cui la blasfemia è punita per legge, in 6 di questi con la pena… Leggi tutto »

Ddl per recupero Ici non pagata dalla Chiesa. L’Uaar saluta con favore l’iniziativa 5Stelle

«In un paese normale sarebbe considerato doveroso. In un paese con un deficit alle stelle e che da mesi dibatte su come rilanciare l”economia è scandaloso non averci già pensato. Ma meglio tardi che mai». Roberto Grendene, segretario dell’Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti (Uaar), commenta così l’iniziativa di 76 senatori del Movimento 5Stelle che oggi hanno depositato un ddl volto a recuperare l’Ici non pagata dalla Chiesa tra il 2006 e il 2011 e a far pagare l’Imu… Leggi tutto »

Buone novelle laiche

Non solo clericalate. Seppur spesso impercettibilmente, qualcosa si muove. Con cadenza mensile vogliamo darvi anche qualche notizia positiva: che mostri come, impegnandosi concretamente, sia possibile cambiare in meglio questo Paese. I costi della Chiesa rimangono un annoso problema per le casse dello Stato e per l’uguaglianza dei cittadini laici. Qualche amministrazione però si appella al buon senso per contenere tali spese. Il Comune di Imola (BO) ha dato ascolto alle richieste dell’UAAR e  ha deciso di azzerare con una delibera… Leggi tutto »

Imola azzera gli oneri per gli edifici di culto. Un esempio da seguire

«È una notizia di cui non possiamo che essere contenti e di cui siamo anche molto fieri poiché è frutto di una nostra campagna. Ora speriamo che anche altri Comuni seguano l’esempio di Imola così da liberare milioni di euro da destinare a scuole, nidi, parchi e centri civici di proprietà pubblica». Il segretario dell’Unione degli Atei e degli Agnostici razionalisti (Uaar), Roberto Grendene, commenta così la notizia che il comune di Imola – con la delibera 121 del 17… Leggi tutto »

«Sui crocifissi, un bel cambio di passo»: l’Uaar sulle dichiarazioni del ministro

«È un bel cambio di passo, soprattutto se pensiamo ai rosari cui ci aveva abituato l’ex vicepresidente del Consiglio. Ora speriamo che alle parole seguano i fatti». Il segretario dell’Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti (Uaar), Roberto Grendene, commenta così le affermazioni del ministro dell’Istruzione, Lorenzo Fioramonti, il quale, intervistato a «Un giorno da pecora», la trasmissione radiofonica di Rai Radio 1, ha detto che al posto del crocifisso sarebbe «meglio appendere alla parete una cartina del mondo con… Leggi tutto »

Firenze, 27-28 settembre. Convegno: 30 anni di Laicità dello Stato. Fu vera gloria?

A trent’anni dalla storica sentenza n. 203 del 1989, con la quale la Corte Costituzionale ha riconosciuto la laicità supremo principio costituzionale, l’Uaar promuove il Convegno “30 anni di Laicità dello Stato. Fu vera gloria?”, con il patrocinio della Regione Toscana, grazie al Dipartimento di Studi Giuridici dell’Università di Firenze e che il Comitato Scientifico ha strutturato con il pensiero rivolto alle battaglie per la laicità supremo principio costituzionale di Paolo Barile, cui l’appuntamento è dedicato. Durante la densa due… Leggi tutto »

Buone novelle laiche

Non solo clericalate. Seppur spesso impercettibilmente, qualcosa si muove. Con cadenza mensile vogliamo darvi anche qualche notizia positiva: che mostri come, impegnandosi concretamente, sia possibile cambiare in meglio questo Paese. Un agosto rovente per la politica italiana, con la crisi di governo fatta esplodere da Matteo Salvini. Lo scontro parlamentare ha riportato nel dibattito persino il tema della laicità, messo in sordina durante l’esecutivo Lega-5 Stelle per le iniziative confessionaliste di alcuni esponenti del governo. Il presidente del consiglio uscente… Leggi tutto »

Appello alla Corte Costituzionale perché riconosca il diritto al suicidio assistito

Al convegno in corso oggi alla sala Isma del Senato della Repubblica, organizzato da Uaar e Consulta di Bioetica, è stato lanciato il seguente appello alla Corte Costituzionale affinché riconosca la fondatezza costituzionale del diritto al suicidio medicalmente assistito nell’ambito del Sistema Sanitario Nazionale. I firmatari, che si sono idealmente costituiti come amici curiae, sono una pluralità di esperti (filosofi, medici, giuristi), di attivisti e di rappresentanti di associazioni impegnate per il diritto all’autodeterminazione nel fine vita. APPELLO ALLA CORTE… Leggi tutto »