Articoli nella Categoria: UAAR

“Estremismo ateo”? L’Uaar contro l’hate speech del papa

«I mass media celebrano l’apertura papale all’islam, compiuta in un paese accusato da tante parti di violare i diritti umani più elementari. A leggere le dichiarazioni ufficiali, però, l’apertura è stata compiuta condannando non soltanto l’estremismo religioso (ma nomi non ne ha fatti, e gli Emirati non sono evidentemente stati ritenuti estremisti), ma attaccando anche “l’estremismo ateo e agnostico“, che contribuirebbe al rischio di una “terza guerra mondiale”. Nel suo hate speech, il papa non ha ovviamente portato un solo… Leggi tutto »

Il Comune di Genova rifiuta campagna “Non affidarti al caso”. L’Uaar fa ricorso al Tar

L’UAAR ha depositato ricorso al Tar della Liguria contro la decisione del Comune di Genova di rifiutare la campagna “Testa o croce? Non affidarti al caso” mirante a sensibilizzare l’opinione pubblica circa la scelta dei propri medici. La campagna — lanciata in ottobre sui social con l’hashtag #Nonaffidartialcaso — ha campeggiato negli ultimi mesi su manifesti sparsi su tutto il territorio nazionale (da Bologna a Ragusa, da Ravenna a Savona, da Palermo a Biella, da Cagliari ad Ancona). Tutto o… Leggi tutto »

Roma, 5 febbraio: “Oltre il Concordato”, convegno e appello di 150 personalità

Abolizione dell’ora di religione; revisione dei criteri per la ripartizione dell’8 per mille; attuazione della sentenza della Corte di Giustizia dell’Unione europea che ha stabilito che l’Italia ha l’obbligo di recuperare le somme dovute dalla Chiesa cattolica per l’Ici non corrisposta (4-5 miliardi di euro): sono queste le richieste dell’appello al Parlamento, al governo e alle forze politiche firmato da 150 esponenti del mondo della cultura e difensori dei diritti civili. Fra i firmatari: costituzionalisti come Franco Gallo, Gianni Ferrara… Leggi tutto »

Consiglio d’Europa: disparità di accesso all’aborto a livello locale. Uaar: urgente presa in carico del governo

«I rilievi in materia di aborto del Comitato per i diritti sociali del Consiglio d’Europa, che sottolineano come in Italia permangano a livello locale considerevoli disparità d’accesso all’interruzione di gravidanza, giungono proprio a proposito. Dalla Relazione del Ministro della Salute sull’attuazione della legge 194 — diffusa proprio in questi giorni con un ritardo di 11 mesi — emerge infatti un quadro che conferma le criticità sottolineate dal Comitato». Così Adele Orioli, segretaria dell’Uaar, in merito alle conclusioni del Comitato per… Leggi tutto »

Buone novelle laiche

Non solo clericalate. Seppur spesso impercettibilmente, qualcosa si muove. Con cadenza mensile vogliamo darvi anche qualche notizia positiva: che mostri come, impegnandosi concretamente, sia possibile cambiare in meglio questo Paese. Anche a dicembre sono arrivati riconoscimenti per i diritti delle persone lgbt. Il sindaco di Parma, Federico Pizzarotti, ha firmato i quattro atti di nascita di bambini nati in famiglie omosessuali. Il riconoscimento è avvenuto alla presenza anche del vicesindaco con delega ai Servizi demografici Marco Bosi e dell’assessora alle… Leggi tutto »

Il governo aiuta le minoranze perseguitate, ma solo se cristiane. Lo sdegno dell’Uaar

«Siamo allibiti. Nella legge di bilancio è messa nero su bianco l’istituzione di un fondo destinato a sostenere le minoranze perseguitate nelle aree di crisi. E fin qui non ci sarebbe nulla da eccepire. Peccato però che le uniche minoranze interessate dal provvedimento siano quelle cristiane. A mettere insieme questa iniziativa con l’atteggiamento generale mostrato sino ad oggi rispetto alla questione migratoria si direbbe che il governo stia seguendo la linea dell’“aiutiamoli solo a casa loro, e solo se cristiani”…. Leggi tutto »

Avvenire e la civiltà dell’amore (proprio)

A volte capita di essere fraintesi. Di recente è successo al papa, che nel suo contrapporre in peius credenti ipocriti e non credenti  ha mandato in sollucchero iperglicemico i media e anche tanti atei devoti. Non era né un’apertura né un complimento, povero Bergoglio che nessuno capisce (o pare voler capire, sennò perde fascino nazionalpopolare). Così come la nostra reazione non era stata certo di entusiasmo, ma di ironica constatazione di come siamo e restiamo “i peggiori bar di Caracas”,… Leggi tutto »

Meglio atei che cristiani ipocriti? Per una volta siamo d’accordo con Bergoglio

«Per una volta ci troviamo d’accordo con Bergoglio. Come non condividere infatti il fastidio che danno i credenti ipocriti (o i credenti in pubblico e non nel privato… come i pluridivorziati leader politici sul palco del Family day o che giurano sul Vangelo)?». Adele Orioli, segretaria dell’Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti (Uaar), commenta così le parole pronunciate da Bergoglio alla prima udienza generale del nuovo anno, questa mattina nell’Aula Paolo VI in Vaticano, quando, rivolgendosi ai fedeli, ha… Leggi tutto »