La clericalata della settimana, 29: il sindaco di Palermo accompagna in volo santa Rosalia

Ogni settimana pubblichiamo una cartolina dedicata all’affermazione o all’atto più clericale della settimana compiuto da rappresentanti di istituzioni o di funzioni pubbliche. La redazione è cosciente che il compito di trovare la clericalata che merita il riconoscimento sarà una impresa ardua, visto l’alto numero di candidati, ma si impegna a fornire anche in questo caso un servizio all’altezza delle aspettative dei suoi lettori. Ringraziamo in anticipo chi ci segnalerà eventuali “perle”. La clericalata della settimana è del sindaco di Palermo… Leggi tutto »

Non si devono indottrinare i poveri con la scusa di aiutarli (usando fondi pubblici)

L’esternalizzazione di servizi pubblici su enti terzi non è tema di competenza delle associazioni laiche. O meglio, lo è soltanto quando gli enti terzi hanno un carattere religioso. Il fenomeno, da noi, è tuttavia così frequente da portarci a pensare che sia un problema tipicamente italiano. Peraltro, non sono pochi quelli che ritengono che non sia nemmeno un problema, «perché la Caritas fa del bene». Dipende come e a chi. In ogni caso, anche all’estero troviamo situazioni simili. Nel Regno… Leggi tutto »

Solidarietà a Masih Alinejad, nel mirino degli ayatollah

L’Uaar esprime vicinanza e solidarietà a Masih Alinejad, scrittrice, giornalista, attivista per i diritti civili e volto tra i più noti al mondo nella lotta all’obbligo del velo, costretta a fuggire dall’Iran e a trovare asilo negli Stati Uniti. La notizia del tentato rapimento ‒ che secondo il Dipartimento di giustizia Usa la vedeva come vittima, era stato orchestrato dai servizi segreti iraniani e sventato dall’FBI ‒ ci preoccupa ma al tempo stesso mostra come il regime degli ayatollah tema… Leggi tutto »

I lati oscuri dell’empatia

Tutti, chi più chi meno, siamo in grado di provare empatia. Cosa decidiamo di fare di questo sentimento, tuttavia, viaggia su un binario parallelo, e non va sempre nella direzione del bene altrui. Ne parla Paolo Ferrarini sul n. 4/2021 della rivista Nessun Dogma. Per leggere tutti i numeri della rivista associati all’Uaar, abbonati oppure acquistala in formato digitale. Nel 2012 uscì The Impossible, la maggiore produzione hollywoodiana sull’apocalittico tsunami che a fine 2004 devastò molte regioni del sud-est asiatico e oltre…. Leggi tutto »

Una macchina da soldi, un sistema di potere

Oltre tre miliardi di euro annui di buoni motivi già sarebbero più che sufficienti, in una economia scricchiolante ben prima della pandemia e tendente a tagliare il welfare piuttosto che i privilegi ecclesiastici, per poter dire che sarebbe davvero ora di abolire il Concordato. Un miliardo dall’8permille, soprattutto grazie al meccanismo perverso delle quote inespresse, ancora di più per lo stipendio degli insegnanti di religione nella scuola pubblica, scelti dal vescovo ma pagati da tutti noi, ai quali vanno aggiunti… Leggi tutto »

La clericalata della settimana, 28: Matteo Salvini dichiara di ascoltare il Santo padre riguardo il Ddl Zan

Ogni settimana pubblichiamo una cartolina dedicata all’affermazione o all’atto più clericale della settimana compiuto da rappresentanti di istituzioni o di funzioni pubbliche. La redazione è cosciente che il compito di trovare la clericalata che merita il riconoscimento sarà una impresa ardua, visto l’alto numero di candidati, ma si impegna a fornire anche in questo caso un servizio all’altezza delle aspettative dei suoi lettori. Ringraziamo in anticipo chi ci segnalerà eventuali “perle”. La clericalata della settimana è del leader della Lega Matteo… Leggi tutto »

Perché una religione scompare

Possiamo considerare le religioni «too big to fail», «troppo grandi per fallire»? Dipende soltanto da quanto grande è la religione stessa. Perché, in realtà, le religioni scompaiono spesso – anche se non certo volentieri. Lo scorso anno è stato pubblicato un volume accademico dedicato a questo tema. Le comunità religiose oggetto della ricerca ricadevano nella categoria dei «nuovi movimenti religiosi», ma in anni recenti sono invecchiate e defunte precocemente. Uno dei curatori, Michael Stausberg, ha poi seguito per il numero… Leggi tutto »

Nel pantano afghano rimonta la marea dei talebani

L’imminente ritiro delle truppe statunitensi dall’Afghanistan, dopo vent’anni di occupazione, diventa il proscenio della sanguinosa rivalsa dei talebani. Migliaia di soldati morti tra forze locali e occidentali, decine di migliaia tra gli insorti che hanno continuano in ritirata la loro pervicace guerriglia, vittime civili che si contano a centinaia di migliaia. Questa è l’eredità di una guerra civile mai conclusa che ha prostrato il paese: una triste riedizione in grande dello sport nazionale afghano, il buzkashi, in cui i cavalieri… Leggi tutto »